Convegno nazionale a Pitigliano sull’enoturismo e gli antichi vitigni vulcanici

10/01/2018

Il cibo e il vino sono una delle sintesi più efficaci tra l’ambientale naturale, la cultura e le tradizioni delle comunità che lo abitano, la loro sapienza agricola e artigiana e la loro storia. Il turismo enogastronomico per Legambiente è anche scoperta di luoghi, cultura e tradizione. Legambiente valorizza da sempre le buone pratiche di sostenibilità legate al turismo che concretizzano un nuovo modo di scoprire e vivere in armonia con la natura i territori della nostra bella Italia.

Su questi temi, segnaliamo un'interessante convegno che si terrà nello splendido borgo di Pitigliano, città del Tufo nel cuore della Maremma Toscana.

Sabato 13 gennaio, alle ore 10, a Pitigliano, nella sala Petruccioli, la Banca Tema e il Comune di Pitigliano organizzano un convegno nazionale dal titolo: “Enoturismo e antichi vitigni vulcanici, quali opportunità per il territorio?”

Saranno affrontati due argomenti importanti per il futuro della viticoltura: la prima parte della mattinata è dedicata ai risultati del percorso di recupero e salvaguardia degli antichi vitigni autoctoni dell’area del tufo, che ha portato, oggi, dopo 40 anni, all’inserimento delle varietà dei Nocchianelli bianco e nero, nel registro nazionale dei vitigni autorizzati.

Nella seconda parte della mattinata si terrà una tavola rotonda su un tema di valenza nazionale: le opportunità che si aprono per le aziende vitivinicole, con l’emendamento approvato in Senato a dicembre, che introduce nella Legge di Bilancio 2018, un capitolo sull’enoturismo, disciplinando così le attività di promozione da realizzare direttamente sui luoghi di produzione del vino.

Apre il convegno Stefano Conti della Banca Tema. In rappresentanza del territorio parleranno: il presidente della Provincia Antonfrancesco Vivarelli Colonna; i sindaci di Pitigliano, Giovanni Gentili; di Sorano Carla Benocci, e di Manciano, Mirco Morini. Seguiranno gli interventi di Paolo Storchi, direttore del Crea di Arezzo (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria); Stefano Formiconi dell’azienda Villa Corano, Edoardo Ventimiglia dell’azienda Sassotondo.

Segue un omaggio a Giancarlo Scalabrelli, che ha svolto un ruolo determinante nelle fasi iniziali della ricerca sui vitigni autoctoni e che ha collaborato per anni alla realizzazione della Rassegna Nazionale dei vini biologici e biodinamici di Legambiente.

Introduce l’argomento enoturismo il senatore Dario Stefano, membro della Commissione Agricoltura del Senato; Carlo Giovanni Pietrasanta, presidente del Movimento Turismo del Vino; Donatella Cinelli Colombini, presidente dell’associazione Donne del Vino; Aldo Lorenzoni del Consorzio Vini Soave, parlerà del Volcanic Wine Park, un progetto per l’enoturismo nel cuore del veneto.

Alla tavola rotonda interverranno: Renato Finocchi del Consorzio Vini Bianco di Pitigliano e Sovana; Edoardo Donato del consorzio Vini Maremma; Walter Massa, vicepresidente Nazionale Fivi (Federazione italiana vignaioli indipendenti); Ettore Ciancico, presidente  Fivi Toscana; Violante Gardini, presidente del Movimento Turismo del Vino Toscano; Iole Piscolla, responsabile enoturismo Città del Vino;  Ginevra Venerosi Pesciolini dell’associazione Grandi Cru della Costa Toscana; Leonardo Marras capogruppo PD in Regione Toscana.

Conclude l’onorevole Luca Sani, presidente della Commissione agricoltura alla Camera dei Deputati.

Seguirà la degustazione di Nocchianello Nero (produzione sperimentale 2015 dell’azienda Sassotondo) organizzata negli antichi granai della Fortezza Orsini dall’associazione Cantine nel Tufo di Pitigliano e dall’associazione italiana sommelier di Grosseto.

FONTE: https://www.facebook.com/pg/ComunePitigliano/posts/?ref=page_internal

Torna indietro

Vuoi diventare partner
di officina dei sapori?